Se son rose

«Entrare di sera nella magia del grande schermo è stato facile; uscirne un po’ meno. Volendo fare un calcolo, è da più di quattro ore che sono al cinema Corallo, chiuso a chiave nel bagno delle donne»

Prendete la pancia di un uomo, Roversi. Aggiungete una moglie, un lavoro e centodieci chili di abitudini. Ora siate rudi: togliete la moglie, il lavoro e le abitudini. I centodieci chili, invece, chiudeteli a chiave nel bagno delle donne del cinema Corallo.
Deciso a non uscire più finché non avrà portato a termine quella pausa di riflessione che in tanti gli hanno consigliato di prendersi, sarà il resto del mondo a venirlo a cercare: preti, maniaci, fotografi, cani, travestiti, psicanalisti, fabbri, venditori porta a porta. E donne, naturalmente. Roversi darà udienza a tutti, ma non aprirà la porta a nessuno.

Rassegna Stampa

«Nel bagno delle donne si riflette meglio» (Brunella Schisa, «Venerdi di Repubblica», 14 ottobre 2011)

Leggi tutto

«Una favola moderna che alterna momenti di comicità e malinconia» (Raffaella Venarucci, «Vanity Fair», 30 novembre 2011)

Leggi tutto

 «La vita non la puoi fermare, più cerchi di allontanarla e più ti viene a cercare» (Carlotta Vissani, «Rolling Stones», dicembre 2011)

Leggi tutto

«Di un antieroe come Roversi sentivamo la mancanza» (Marta Cervino, «Marie Claire», ottobre 2011) 

Leggi tutto

«Il novello Bartleby dice no e si chiude in bagno» (Alberto Sebastiani, «Repubblica» 18 ottobre 2011)

Leggi tutto

«La scrittura ironica e surreale di un umorista genuino» (Désirée Paola Capozzo, Elle.it, 21 ottobre 2011)

Leggi tutto
  • Articolo (link)
  • Questionario dello scrittore (link)

«Come sopravvivere alla perdita di lavoro e moglie» (Federico Mascagni, «L’Unità» 2 novembre 2011)

Leggi tutto

Chi non lavora non fa l’amore» (Enrico Veronese, «Blow Up», novembre 2011)

Leggi tutto

«Ecco il santo che ci vuole per l’Italia» (Filippo La Porta, «Repubblica XL», novembre 2011) 

Leggi tutto

«Scrittura cinematografica fatta di brevi incursioni fulminanti» (Fabio Striani, «Rumore», gennaio 2012)

Leggi tutto

 «Massimo Vitali racconta idee. E le racconta benissimo» (Gianluca Mercadante, «Pulp», gennaio-febbraio 2012)

Leggi tutto

«La “versione comica” di Caos calmo» (Anticipazione su affaritaliani.it, 4 ottobre 2011)

Leggi tutto

Se il mondo bussa alla porta del bagno delle donne di un cinema d’essai…» (Anticipazione su L’Occidentale.it, 9 ottobre 2011)

Leggi tutto

«Si può ben sperare per i nostri giovani narratori» (Sergio Rotino, «L’Informazione. Il Domani», 17 ottobre 2011)

Leggi tutto

«L’occasione di una ripartenza, con ironia» («Class» ottobre 2011)

 «Un libro che ti fa ben sperare per il futuro del libro e del romanzo in generale» (Fulvio Caporale, «La Voce», 17 novembre 2011) 

Leggi tutto

«Fuggire a volte è un diritto!» (Francesca Magni, «Donna Moderna», 30 novembre 2011)

Leggi tutto

«Dopo cena c’è Massimo Vitali» (Sabrina Camonchia, «L’Informazione – Il Domani», 11 gennaio 2012)

Leggi tutto

«Vorrebbe fermare il mondo e scendere, ma si chiude in bagno» (Seia Montanelli, «Corriere Nazionale», 20 gennaio 2012)

Leggi tutto

 «Il divertimento della parola» (Fulvio Caporale, «Leggere Tutti», aprile 2012)

Leggi tutto

 «Far ridere è una cosa seria» (Piero Ferrante, «Stato Quotidiano», 14 aprile 2012)

Leggi tutto

https://www.statoquotidiano.it/14/04/2012/macondo-la-citta-dei-libri-69/76049/

Il bugiardino di Marilù Oliva l’Unità», 18 aprile 2012) 

«Umorismo leggero e riflessivo» (Mirko Tondi, sulromanzo.it, 13 giugno 2012) 

Rassegna Audio

Rassegna Video


Massimo Vitali
scrivimi@massimovitali.org